Meno è più 4

Roma (IT), 2007

Committente:

Comune di Roma

Incarico:

progetto preliminare

Importo:

non definito

Esito:

1° progetto menzionato

Progetto:

Arch. Stefano Salvi (capogruppo)

Con:

Arch. Raffaele Salvi
Arch. Giacomo Sanna
Arch. Alessandra Scardaoni
Maestro Sandro Sanna (artista)

Mostra Galleria

Torna Indietro

Il principio guida dell'idea progettuale relativa alla sistemazione complessiva dell'area centrale all'interno del comprensorio di Tor Marancia è consistito nel determinare connessioni e continuità percettive e di fruizione oltre che di percorrenza, tra i diversi comparti oggetto del concorso e con le altre presenze previste dal piano.
Si è cercato di definire un sistema di relazioni tra i diversi comparti tale da rendere unitario un intervento composto da una addizione di funzioni e destinazioni d'uso eterogenee.
Si è posta particolare attenzione sulle diverse modalità di accesso all'area e sulle successive possibili relazioni tra le diverse parti ed il suo cuore.
Dalla analisi delle quote dell'area verde e quelle previste dal piano, specialmente per quanto relativo alla piazza è scaturita l'idea di individuare gli elementi atti alla massima integrazione tra la stessa piazza con detta area verde e con le altre parti limitrofe integrate o ai margini dell'intera area presa in esame.
Sotto tale profilo, la ampia e articolata gradonata che collega la piazza con il verde è sembrata la risposta più idonea per collegare senza soluzione di continuità i due principali luoghi di aggregazione sociale all'aperto nei quali trova luogo l'opera d'arte richiesta dal bando, sotto forma di una scultura d'acqua.
La tangenza del comparto destinato a centro civico con un lungo tratto della piazza ci ha indotto a ricercare una relazione con quest'ultimo individuata nella estensione della piazza che si inoltra sulla copertura dello stesso centro civico in un largo percorso che conduce all'interno del parco in corrispondenza delle più elevate curve di livello in prossimità dei resti del mausoleo che viene così reso elemento integrante dell'intero intervento.
Anche l'area parcheggi e l'asilo nido seppur nel rispetto della loro necessaria autonomia tendono alla massima integrazione con il resto dell'intervento.